photo-camera
Art Photo Studio
 
 
 

facebook
instagram
linkedin

Tina Modotti Fotografa. La Dama della Rivoluzione Messicana # Tina Modotti Photographer. The Lady of the Mexic

2021-10-10 19:37

Marcello

Storia della Fotografia, Photography #Art# School# Artist,

Tina Modotti Fotografa. La Dama della Rivoluzione Messicana # Tina Modotti Photographer. The Lady of the Mexican Revolution

Tina Modotti La Dama della Rivoluzione Messicana# Tina Modotti The Lady of the Mexican Revolution

La Modotti è il primo ed unico esempio di una vita in cui l’essere sociale, artistico e politico si fondono in un tutt’uno. # Modotti is the first and only example of a life in which social, artistic and political being come together in one. ( Testi e immagini estratte dal Web).

75550tinamodottichitarracartuccerafalce1927a1200x913-696x385-1633887006.jpeg

Mi considero una fotografa, niente di più. Se le mie foto si differenziano da ciò che viene fatto di solito in questo campo, è precisamente perché io cerco di produrre non arte, ma oneste fotografie, senza distorsioni o manipolazioni. La maggior parte dei fotografi vanno ancora alla ricerca dell'effetto "artistico", imitando altri mezzi di espressione grafica. Il risultato è un prodotto ibrido che non riesce a dare al loro lavoro le caratteristiche più valide che dovrebbe avere: la qualità fotografica. Negli anni recenti si è molto discusso se la fotografia possa o non possa essere un lavoro artistico comparabile alle altre creazioni plastiche. Naturalmente ci sono molte opinioni diverse. Ci sono quelli che accettano veramente la fotografia come mezzo d'espressione alla pari con qualsiasi altro, e altri che continuano a guardare in modo miope al ventesimo secolo con gli occhi del diciottesimo, incapaci di accettare le manifestazioni della nostra civiltà meccanica. Ma per noi che usiamo la macchina fotografica come uno strumento, proprio come il pittore usa il pennello, queste diverse opinioni non hanno importanza. # I consider myself a photographer, nothing more. If my photos differ from what is usually done in this field, it is precisely because I try to produce not art, but honest photographs, without distortion or manipulation. Most photographers are still looking for the "artistic" effect, imitating other means of graphic expression. The result is a hybrid product that fails to give their work the most valid characteristics it should have: photographic quality. In recent years there has been much discussion as to whether photography can or cannot be an artistic work comparable to other plastic creations. Of course, there are many different opinions. There are those who truly accept photography as a means of expression on a par with any other, and others who continue to look myopically at the twentieth century with the eyes of the eighteenth, unable to accept the manifestations of our mechanical civilization. But for us who use the camera as a tool, just as the painter uses the brush, these different opinions don't matter

tina-modotti-le-mani-di-un-lavoratore-delledilizia-messico-1926-620x388-1633887062.jpeg

1923 Il 30 luglio dopo alcuni rinvii assieme ad Edward Weston e suo figlio Chandler, si trasferisce in Messico arrivando a Mazatlan a bordo del piroscafo Colima. Si stabiliscono dapprima a Tacubaja nei sobborghi della capitale e poi in città a Calle Lucerna. Tina e Weston si immergono nella vita del paese, ed entrano in contatto con artisti ed intellettuali impegnati nella realizzazione di quel Rinascimento messicano voluto dal governo di Alvaro Obregon. Conoscono i pittori muralisti Diego Rivera, David Alfaro Siqueiros, Josè Clemente Orozco, Xavier Guerrero, i quali riuniti nel sindacato dei pittori e scultori nel 1924 fonderanno il giornale El Machete. Weston adempie alla "sua parte del contratto" e insegna a Tina la fotografia.#1923 On July 30, after some postponements together with Edward Weston and his son Chandler, he moved to Mexico arriving in Mazatlan aboard the steamship Colima. They first settle in Tacubaja on the outskirts of the capital and then in the city on Calle Lucerna. Tina and Weston immerse themselves in the life of the country, and come into contact with artists and intellectuals committed to the realization of that Mexican Renaissance wanted by the government of Alvaro Obregon. They know the muralist painters Diego Rivera, David Alfaro Siqueiros, Josè Clemente Orozco, Xavier Guerrero, who united in the union of painters and sculptors in 1924 founded the newspaper El Machete. Weston fulfills "his part of the contract" and teaches Tina photography.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder
verifica-sito-google: googlee7485d542ffa9807.html