photo-camera
Art Photo Studio
 
 
 

facebook
instagram
linkedin

Blog dedicato alle Arti Visuali

 

Blog dedicated to the Visual Arts

Nelle pagine trovate una selezione di artisti visuali fotografi pittori

I testi e le immagini sono estrapolate dai siti ufficiali e dalla rete

cliccando sul testo History of photography storia della fotografia troverete gli altri Artisti  presenti nel blog

 

On the pages you will find a selection of visual artists, photographers, painters

clicking on the text History of photography history of photography you will find the other artists present in the blog

The texts and images are extrapolated from the official sites and the network

 

logo 3

Capogrossi Giuseppe Ecole de Rome

2022-05-08 10:41

Marcello

History of Photography Storia della Fotografia,

Capogrossi Giuseppe Ecole de Rome

Giuseppe Capogrossi Ecole de Rome scuola Romana

Giuseppe Capogrossi, pittore italiano, nasce a Roma il 7 marzo del 1900.

Laureato in Giurisprudenza, si è sempre dedicato alla pittura.

Nel 1923 frequenta la Libera scuola di nudo di Felice Carena, in quel tempo tra le più accreditate di Roma.

Tra il 1927 e il 1933 compie ripetuti soggiorni a Parigi dove elabora una pittura figurativa e tonale che si ricollega a fonti classiche italiane.

Espone per la prima volta nel 1927 in una mostra collettiva alla Pensione Dinesen di Roma con Cavalli e Di Cocco; ancora con Cavalli, Cagli e Sclavi partecipa nel 1933 alla mostra nella Galleria Bonjean di Parigi, presentata dal noto critico Waldemar George che per primo si riferì a questo gruppo con il termine Ecole de Rome (da cui quello di Scuola Romana).

D’ora in avanti partecipa a numerose mostre in gallerie private e spazi pubblici.

Dagli inizi degli anni Quaranta avvia una trasformazione della sua ricerca pittorica: il colore si accende nelle gamme dei rossi, viola e arancio, e la pennellata si anima.

Con il graduale abbandono della figurazione, dopo un breve periodo di esperienze a carattere neo cubista (1947-1949), approda a un rigoroso e personale astrattismo caratterizzato da una unica forma-segno che coniugandosi in infinite variazioni arriva a costruire lo spazio del quadro, rappresentazione simbolica di una interiore organizzazione spaziale.

piena-sul-tevere.jpeg

                                                                          Piena sul Tevere, olio su tela

Giuseppe Capogrossi, an Italian painter, was born in Rome on 7 March 1900.

Graduated in Law, he has always devoted himself to painting.

In 1923 he attended Felice Carena's free nude school, at that time among the most accredited in Rome.

Between 1927 and 1933 he made repeated stays in Paris where he elaborated a figurative and tonal painting that is linked to classical Italian sources.

He exhibited for the first time in 1927 in a group exhibition at the Pensione Dinesen in Rome with Cavalli and Di Cocco; again with Cavalli, Cagli and Sclavi he participated in 1933 in the exhibition in the Bonjean Gallery in Paris, presented by the well-known critic Waldemar George who first referred to this group with the term Ecole de Rome (hence that of the Roman School).

From now on he participates in numerous exhibitions in private galleries and public spaces.

From the beginning of the 1940s he started a transformation of his pictorial research: the color lights up in the ranges of reds, purples and oranges, and the brushstroke comes to life.

513d7a0ab11e38f7bd117d760146fed3.jpeg

Dal 1940 diviene titolare dell’insegnamento di “Figura disegnata” al Liceo Artistico di Roma fino al 1966 anno in cui viene chiamato alla cattedra di “Decorazione” nella Accademia di Belle Arti di Napoli fino al 1970.

Nella sua lunga carriera artistica ottiene numerosi premi e riconoscimenti: nel 1962 con una sala personale alla XXXI Biennale di Venezia il premio per la pittura, ex aequo con Morlotti; nel 1971 il premio “Vent’anni di Biennale” alla Biennale di S. Paolo del Brasile e il Prix d’honneur alla Esposizione Internazionale dell’incisione di Lubiana.

Nel 1968 la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, diretta da Palma Bucarelli, dedica un’intera sala alle opere dell’artista; oltre ai dipinti già presenti nella collezione del museo vi vengono esposti i lavori donati da Renato Cardazzo in memoria del fratello Carlo scomparso nel 1963.

superfice-403-1957.jpeg

                                                         Superfice 403 , 1957. Olio su tela

From 1940 he became the holder of the teaching of "Figure drawn" at the Liceo Artistico in Rome until 1966, when he was called to the chair of "Decoration" at the Academy of Fine Arts in Naples until 1970.

In his long artistic career he obtained numerous prizes and acknowledgments: in 1962 with a personal room at the XXXI Venice Biennale the prize for painting, ex aequo with Morlotti; in 1971 the "Twenty Years of Biennale" award at the São Paulo Biennial in Brazil and the Prix d’honneur at the International Engraving Exhibition in Ljubljana.

In 1968 the National Gallery of Modern Art in Rome, directed by Palma Bucarelli, dedicated an entire room to the artist's works; in addition to the paintings already present in the museum collection, the works donated by Renato Cardazzo in memory of his brother Carlo who died in 1963 are exhibited.

8_superficie_56-1950.jpeg

                                                               Superfice 56 , 1959 . Olio su tela 

superfice-cp:833:a-1966.jpeg

                                                     Superfice CP/833/A  1966. Olio su tela  

Nel 1971 il Ministero della Pubblica Istruzione gli conferisce la medaglia d’oro per meriti culturali.

In 1971 the Ministry of Education awarded him the gold medal for cultural merits.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder
verifica-sito-google: googlee7485d542ffa9807.html